domenica 14 luglio 2013

SAPONE NATURALE FATTO IN CASA 100% OLIO DI OLIVA METODO TUTTO A FREDDO




INGREDIENTI: 1kg di olio di oliva, 128g di soda caustica, 300g di acqua. 

Per fare il sapone si possono usare molte combinazioni di oli e grassi ma il più pregiato è da sempre l'olio di oliva. 
L'olio d'oliva oltre che per le sue eccezionali proprietà alimentari è conosciuto sin dall'antichità per le sue proprietà benefiche sulla pelle, nell'olio di oliva, infatti, oltre ai gliceridi degli acidi grassi sono presenti molte sostanze attive e benfiche  come steroli e vitamine che non saponificano e quindi restano tali nel prodotto finito.
La ricetta che ho usato in questo video prevede solo olio extra vergine di oliva biologico unito ad una soluzione di acqua e soda caustica, con un metodo "tutto a freddo" che sfrutta il calore sviluppato dalla soluzione caustica per scaldare l'olio e saponificare.
Quindi una volta mescolata la soda all'acqua si aspetta la reazione e si versa direttamente nell'olio, poi col minipimer si frulla fino ad ottenere il "nastro", cioè quella fase in cui l'olio a contatto con la soluzione caustica diventa sapone cremoso e quindi pronto per essere versato nello stampo.
Per dare la forma desiderata si possono usare i classici stampi in silicone o come ho fatto io, una semplice scatola rivestita con carta forno.
Nella ricetta non sono volutamente presenti profumazioni e oli essenziali, per rendere il sapone il più naturale e delicato possibile, ideale anche per persone con problemi di pelle sensibile, allergie ed eritemi.
Il risultato è un sapone ricchissimo di principi attivi propri dell'olio di oliva, quindi oltre alla normale funzione detergente, questo sapone darà nutrimento e protezione alla pelle. 
Una volta sformato deve essere lasciato in un luogo asciutto a stagionare per almenno 40 giorni, ma questo particolare tipo di sapone può anche stagionare per molti mesi.










26 commenti:

  1. Ogni volta che leggo come fai il sapone, mi ricordo di mia nonna che lo faceva, quando ero bambina... che nostalgia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. infatti è stata proprio mia nonna a trasmettermi la "passione" ... ti capisco.

      Elimina
    2. Ciao Benedetta, complimenti per le tue fantastiche ricette, io e mia moglie abbiamo fatto proprio oggi del sapone all olio d'oliva con la tua ricetta e non vediamo l'ora di usarlo!! Volevamo chiederti se avevi qualche consiglio per il sapone fatto col la soda Solvay (carbonato di sodio) grazie

      Dino e Francesca

      Elimina
  2. Ciao, ho scoperto oggi il tuo canale su youtube e mi sono subito mobilitata per venire a cercare il tuo blog e farti i miei complimenti :D
    Era da tanto tempo che volevo provare a fare il sapone fatto in casa, ma non mi andava tanto di usare i fornelli. La tua tecnica fa proprio al caso mio.
    Grazie per aver condiviso il tuo sapere :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, in effetti questa tecnica è proprio semplice e a me funziona davvero bene, se mi vorrai aggiornare sui tuoi progressi, mi farebbe piacere ... a presto :)

      Elimina
    2. Ti terrò sicuramente aggiornata :D grazie mille ancora, non vedo l'ora di mettermi al lavoro!! :D

      Elimina
  3. Ciao Benedetta, ho fatto il sapone con questa ricetta ma con metodo a caldo, dopo 6 settimane di stagionatura ho misurato il ph della "schiuma" con una cartina tornasole ed è 9. Anche il tuo è così?
    Non è alto?
    Grazie ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marina, il sapone naturale ha un ph alcalino, quindi il tuo ph 9 è perfettamente nella norma. E' un prodotto a risciacquo e la pelle, anche la più sensibile, tollera benissimo questa variazione di ph. Anzi, spesso i prodotti detergenti a "ph neutro" hanno nella loro composizione delle sostanze per tamponare che danno più problemi del ph alto.
      Usalo tranquillamente, la tua pelle ti ringrazierà! :-)
      A presto.

      Benny

      Elimina
    2. Grazie Benedetta, mi rassicuri!!! In effetti l'ho usato stamattina(ho fatto da cavia a me stessa :) ) perchè ero troppo impaziente di provarlo e devo dire che a differenza di altri saponi naturali che ho provato non mi ha lasciato quella sensazione di "secchezza"... tipo dito passato sul piatto appena sgrassato!! XDD
      Avevo però paura che, a causa del ph, un utilizzo frequente mi avrebbe irritato la pelle... tu mi hai tolto il dubbio!!

      Grazie ^_^

      Elimina
  4. Ciao! era da tanto che volevo provare a fare il sapone e appena ho visto il tuo video mi sono decisa! l'ho già fatto due volte, uno al cacao e uno salvia e menta! è venuto tutto bene se non per l'odore..mio padre dice che sa leggermente di olio fritto, mia madre dice che sa di marsiglia..io non lo sento e non mi da per nulla fastidio, ma volevo chiedere a cosa potrebbe esser dovuto? ho aggiunto l'acqua e soda troppo presto e quindi essendo ancora troppo calda ha scladato troppo l'olio? grazie mille e complimenti per il blog!
    io continuerò con i miei esperimenti ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, se l'olio non era rovinato l'odore che si sente è semplicemente quello dell'olio d'oliva e tua madre ha perfettamente ragione, il sapone di Marsiglia è fatto al 100% con olio di oliva, poi l'odore durante la stagionatura cambierà e diventerà molto più tenue, comunque a me piace molto l'odore naturale. Il fatto che il sapone venga associato al profumo, fa sì che sembri strano un sapone non profumato :)
      Tienimi pure aggiornata sui risultati degli "esperimenti"
      Ciao

      Elimina
    2. Ciao benedetta, che dire, sei fantastica! Volevo chiederti un consiglio: posso usare le fragranze alimentari da aggiungere al nastro con un cucchiaino di amido di riso, per profumare i saponi? Altra domanda, volendo fare sapone alla vaniglia, fragola e lavanda devo usare la ricetta del sapone olio di oliva o è meglio quella del sapone al miele? Spero che tu possa risp ;)

      Elimina
  5. ciao ho provato a fare il sapone scusami ma ho 2 domande:
    Dopo averlo tagliato devo tenerlo copoerto x 40 gg.?
    Ho aggiunto un'essenza all'ambra sembra completamente evaporata. dove ho sbagliato??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eccomi...e scusa il ritardo!
      dopo che l'hai tagliato il sapone deve essere tenuto scoperto ed in un luogo asciutto. Se hai l'accortezza di girarlo spesso, asciuga più in fretta.
      Non hai sbagliato niente, purtroppo avere un sapone profumato come lo intendiamo noi, partendo da un sapone naturale è davvero complicato. Purtroppo la soda è molto aggressiva e non tutte le profumazioni "superano la prova". Alcune resistono di più, altre di meno...non ti resta che andare per tentativi.
      A presto!

      Elimina
  6. Ciao Benedetta mi sono imbattuta x caso nei tuoi video e mi è piaciuto tanto il metodo usato in questa ricetta in cui nn va misurata nessuna temperatura. Ho fatto anche io qualche sapone e mi trovo sempre in difficoltà a portare soda e oli alle stesse temperature. Però avrei una domanda come mai a volte è necessario misurare e altre no? E se volessi fare un sapone da bucato strutto ed evo nn basterebbe il calore della soda a scaldare il tutto? Grazie x le risposte che mi darai. ♡

    RispondiElimina
  7. Ciao Benedetta!! Avendo dell'ottimo olio fatto da noi (abbiamo un frantoio) vorrei approfittarne e fare il sapone. Il contenitore e lo stampo che utilizzerò potrò poi riutilizzarli per i normali usi in cucina o è meglio avere dei contenitori dedicati alla saponificazione? Li laverei con acqua ed aceto per neutralizzare i residui di soda (faccio appello ai ricordi del corso di chimica dei prodotti cosmetici ma preferisco chiedere....)
    Ti ringrazio in anticipo per la risposta e ti auguro buona giornata!!!
    Elisa

    RispondiElimina
  8. Ciao Benedetta! Ho provato a fare il sapone con l'olio extravergine d'oliva come nella tua ricetta, solo che mi sono resa conto di aver aggiunto 124 gr di soda caustica invece che 128 gr. Il risultato è un sapone giallo che profuma di olio d'oliva. L'ho messo a stagionare in una scatola da scarpe. Dici che verrà bene oppure è da buttare? Grazie.

    RispondiElimina
  9. ciao...complimenti davvero! Ho scoperto ieri il tuo canale youtube e oggi il tuo blog ed è tutto fantastico! ormai ogni due secondi mi metto a guardare qualche video! Mi sto avvicinando all' Homemaid e grazie a te questo sarà più facile! Mi sono permessa di mettere il link del tuo blog su un mio post in cui parlo benissimo delle tue creazioni, spero non ti dispiaccia! Ps. la cosa che adoro di più è che usi moltissimo l'olio d'oliva; ne ho a quintali a casa perchè lo produciamo! =) un bacio

    RispondiElimina
  10. Io ho fatto questo sapone. Ho usato l'olio EVO, per errore. Il sapone è diventato solido subito.. dopo meno di 24 ore. Alla scadenza indicata da te ho provato ad usarlo. Il sapone è fin troppo compatto e fa pochissima schiuma, quasi niente. Dipende dall'olio che ho usato?

    RispondiElimina
  11. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  12. Emanuela Ferretti28 agosto 2014 18:54

    Ciao Benedetta,
    grazie per le tue ricette e video, ti ho scoperta grazie ad una collega ed ora sei il mio punto di riferimento, ho provato il sapone all'olio ed al miele, ora vado con quello all'argilla, volevo solo chiederti se posso usare, nel caso dell'olio di semi, anche quello già usato ( cioè di frittura)
    Grazie

    RispondiElimina
  13. ciao benedetta! ho visto questa ricetta così semplice e veloce, così ho provato...ma non è venuta! :( Non so cosa ho sbagliato...ho usato le indicazioni della videoricetta, (con olio d'oliva, non EVO), ma quando uso il minipimer il composto non si addensa e rimane liquido... secondo te come mai? grazieee alessandra

    RispondiElimina
  14. Pasquale Borghese9 aprile 2015 16:03

    Ho trovato il tuo blog molto interessante e insegna molte cose belle e interessanti e in modo particolare ci spiega come risparmiare molti soldini con il fai da te fatto in casa complimenti e continua così

    RispondiElimina
  15. Hai gia spiegato che si può usare sulla pelle...ma vorrei una conferma da te...posso farci la doccia? Grazie e complimenti per le tue ricette e la tua bravura.....

    RispondiElimina
  16. vorrei usare dei rametti di lavanda per fare un decotto da aggiungere al sapone ma prima devo farli seccare?

    RispondiElimina
  17. vorrei usare dei rametti freschi di lavanda per fare un decotto da aggiungere al sapone, forse sarebbe meglio fare seccare i rametti prima di aggiungerli? ciao e grazie.

    RispondiElimina